Escambium Logo

Richiedi un’analisi gratuita del tuo Business e scopri dove puoi esportare il tuo prodotto Registrati

News

Global Wealth Report 2017: a che punto siamo a dieci anni dalla crisi?

Secondo l'ultima edizione del Global Wealth Report pubblicato dal Credit Suisse Research Institute (CSRI), oggi la ricchezza mondiale ha raggiunto i 280 mila miliardi di dollari, superando del 27 per cento i livelli registrati alla vigilia della crisi finanziaria dieci anni fa.

Global Wealth Report a che punto siamo a dieci anni dalla crisi.jpg

Condividi

Gli incrementi negli USA rappresentano metà della crescita della ricchezza mondiale

Negli ultimi 12 mesi la ricchezza complessiva globale è cresciuta del 6,4 per cento. Si tratta del più rapido ritmo di produzione di ricchezza dal 2012 nonché di uno dei migliori risultati registrati dopo la crisi finanziaria. Inoltre, la ricchezza media globale per adulto ha toccato un nuovo record di 56 540 dollari, in quanto la ricchezza è cresciuta a un ritmo minore rispetto alla popolazione.

Da un raffronto dell'incremento della ricchezza tra i paesi gli USA risultano leader incontrastati. Il paese ha continuato a registrare incrementi dopo la crisi finanziaria e ha contribuito alla ricchezza globale complessiva in ragione di quasi 9 mila miliardi di dollari. In altri termini, gli USA hanno generato oltre la metà della ricchezza globale aggregata pari a 16,7 mila miliardi di dollari negli ultimi 12 mesi.

"Finora la presidenza Trump è stata caratterizzata da prosperità tra le imprese e crescita dell'occupazione, anche se non va trascurato il ruolo di costante sostegno della Federal Reserve, e la disparità di ricchezza rimane una questione fondamentale", commenta Michael O'Sullivan, CIO di International Wealth Management presso Credit Suisse. "In prospettiva, tuttavia, le valutazioni di mercato elevate e i prezzi degli immobili potrebbero frenare il ritmo di crescita nei prossimi anni".

Polonia: maggiore incremento in termini percentuali

La stabilità in Europa ha reso possibile un incremento della ricchezza del 6,4 per cento nell'intero continente, in linea con la crescita registrata a livello globale. Germania, Francia, Italia e Spagna hanno raggiunto la top ten dei paesi con i maggiori incrementi in termini assoluti.

In termini percentuali, la Polonia risulta il paese che ha registrato la maggiore crescita del patrimonio detenuto dalle famiglie (18 per cento), soprattutto a causa dell'aumento dei prezzi azionari.

Disparità dei redditi: una conseguenza della crisi

La crisi finanziaria ci ha lasciato in eredità una disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, che dal 2007 è andata aumentando in tutto il mondo. Secondo le valutazioni degli autori del rapporto, all'inizio del millennio l'1 per cento della popolazione più facoltosa possedeva il 45,5 per cento della ricchezza totale delle famiglie, ma nel corso degli anni questa quota è salita fino a raggiungere l'attuale 50,1 per cento.

(fonte: Credit Suisse Research Institute)

Contattaci

SEGUICI SUI SOCIAL

Iscriviti alla newsletter